La maggioranza “Gentiloni” – Pd-Ncd e parte Misto – ECCO CHI SONO!



Il Pd e Ncd-Centristi per l’Italia e una cospicua parte del gruppo Misto, questa la maggioranza del governo Gentiloni che si regge soprattutto su queste tre gambe, oltre che sulla grandissima parte del gruppo Per le Autonomie, a quanto si vede dai tabulati del voto di fiducia a Palazzo Madama.

Voto nel quale non compare, come annunciato in Aula, il sì di Ala-Sc.

Nel Pd in 111 su 113 hanno votato al Senato: non votano il presidente del Senato Pietro Grasso (come da prassi) e il senatore Felice Casson, in missione (anche se, si fa notare con ironia tra i Dem, Casson da tempo è in missione…).

Compatti i centristi
: arrivano infatti i 28 sì di Ncd e anche l’ok di Antonio De Poli, unico esponente Udc a Palazzo Madama dopo lo scioglimento di Ap.



Nelle Autonomie in 16 su 19 danno la fiducia a Gentiloni: all’appello mancano i senatori a vita Renzo Piano e Carlo Rubbia nonché Claudio Zin, eletto nella circoscrizione America Meridionale.

Tre, infine, i membri di Gal che hanno votato sì: Paolo Naccarato, Riccardo Villari e Angela D’Onghia mentre rispetto alle precedenti votazioni ha cambiato trend – non votando la fiducia – Michelino Davico.

E al governo un ‘aiuto‘ che potrebbe essere determinante arriva dal gruppo Misto: su 28 senatori in 11 votano la fiducia.

Oltre ai sette che solitamente davano la fiducia all’esecutivo Renzi (da Della Vedova a Molinari, da Bencini all’ex M5S Fuksia) a Gentiloni giungono gli ok di Dario Stefano e Luciano Uras – eletti con Sel – di Maurizio Rossi di Liguria Civica e dell’ex premier Mario Monti.

Per restare aggiornato seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina facebook, pubblicheremo al più presto tutti gli aggiornamenti in merito.

Fonte qui Seguici sulla pagina Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *