Google e Facebook bloccheranno i siti di notizie false

Google impedirà ai siti di false notizie di utilizzare sulle loro pagine i suoi sistemi online, una decisione che potrebbe ridurre sensibilmente il fenomeno delle bufale diffuse online, di cui si è tornato a parlare molto negli ultimi giorni in seguito alla vittoria di Donald Trump alle presidenziali negli Stati Uniti.

Secondo numerosi osservatori, la diffusione di notizie false tramite i motori di ricerca e i social network ha condizionato in parte le elezioni, convincendo infine alcuni elettori a votare Trump a scapito di Hillary Clinton. Al momento non ci sono dati chiari per affermare con certezza che sia avvenuto questo condizionamento, ma il problema del successo delle notizie false e delle bufale online va oltre le elezioni statunitensi e riguarda più in generale il sistema dei media e dell’informazione.

Le nuove limitazioni per l’utilizzo dei sistemi di Google saranno attive entro pochi giorni, ha spiegato una portavoce dell’azienda al Wall Street Journal, e potrebbero interessare migliaia di siti.

Domenica la versione di Google per gli Stati Uniti aveva ricevuto numerose critiche perché, cercando i risultati sul voto popolare alle elezioni, mostrava in evidenza nella sua pagina dei risultati il link a un blog conservatore con dati palesemente falsi in cui si sosteneva che fosse stato Trump e non Hillary Clinton a ricevere il maggior numero di voti. In seguito alle segnalazioni, Google è intervenuto per dare meno peso a quel link, ricordando che la gerarchia dei siti mostrati nella pagina dei risultati è basata su sistemi automatici, che utilizzano numerosi algoritmi per offrire i contenuti più rilevanti. L’azienda ha comunque ammesso l’errore e ha confermato il proprio impegno per non dare risalto alle notizie false nelle sue pagine dei risultati.

Facebook ha da poco aggiornato le regole per l’utilizzo del suo sistema di annunci pubblicitari, chiarendone meglio il funzionamento, con risultati simili a quanto fatto da Google. Con un comunicato, la società ha spiegato che i siti di notizie false e bufale rientrano nella categoria di siti cui viene impedito di utilizzare Facebook Audience Network: “In accordo con le policy di Audience Network, non integriamo o mostriamo pubblicità nelle app e nei siti che pubblicano contenuti illegali, ingannevoli o fallaci, incluse le notizie false. Sebbene fosse sottinteso, abbiamo aggiornato la policy per chiarire in modo esplicito che questo vale anche per le notizie false. Il nostro team continuerà ad esaminare attentamente tutti i potenziali editori e a monitorare tutti quelli già esistenti per garantirne la conformità”.



Dopo le elezioni, Facebook è stato al centro del dibattito sulla diffusione delle notizie false online e sui sospetti circa la loro capacità di condizionare il voto favorendo Donald Trump, che ha più volte contribuito a metterle in circolazione tramite i suoi account sui social network. In una nota pubblicata ieri, Mark Zuckerberg ha detto che meno dell’1 per cento dei contenuti su Facebook sono bufale o notizie false, e che ritiene quindi molto improbabile che abbiano potuto condizionare un’elezione. Zuckerberg non ha però fornito dati o altre informazioni in possesso del social network per dare più peso e sostanza alle sue affermazioni.

Alcune notizie palesemente false, come quella secondo cui papa Francesco avesse detto esplicitamente di sostenere Trump, sono circolate molto su Facebook ottenendo in molti casi milioni di “Mi piace” e di condivisioni.

Secondo alcune fonti consultate da Gizmodo, nei mesi della campagna elettorale Facebook aveva messo a punto un sistema per ridurre la presenza delle notizie false e delle bufale nella sua sezione Notizie, ma non l’aveva poi introdotto perché avrebbe penalizzato molti siti conservatori e si temeva una reazione sproporzionata da parte dei Repubblicani (che già avevano lamentato una minore rappresentanza rispetto a quella dei siti vicini ai Democratici). Un portavoce di Facebook ha detto che la ricostruzione di Gizmodo “non è vera” e che il social network si è sempre impegnato per introdurre nuovi sistemi che limitino la proliferazione di notizie false.

All’interno di Facebook il confronto sembra essere comunque molto aperto e pare coinvolga numerosi dipendenti. Secondo alcune fonti interne consultate da BuzzFeed News, alcuni impiegati hanno formato un gruppo di lavoro non ufficiale per mettere in dubbio la capacità di Facebook di ridurre il volume di bufale e notizie false sul social network, chiedendo interventi più decisi e contestando le dichiarazioni fornite finora da Zuckerberg tese a minimizzare la questione.

Il problema va oltre le elezioni negli Stati Uniti e riguarda più in generale la necessità di fermare il circolo vizioso intorno alle notizie false, che nascono su siti di poco conto, ma che riescono comunque a prosperare grazie alle condivisioni sui social network, tanto da affiorare talvolta anche nel sistema informativo dei grandi media. Facebook e Google sono al lavoro da tempo per trovare il giusto equilibrio che permetta di rendere marginali le notizie inventate, senza censurare per errore altri tipi di contenuti. La scelta di tagliare la principale risorsa di sostentamento di questi siti, cioè la pubblicità, potrebbe avere importanti conseguenze per ridurre il volume di bufale e notizie false in circolazione online.

Per restare aggiornato seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina facebook, pubblicheremo al più presto tutti gli aggiornamenti in merito.

Fonte qui Seguici sulla pagina Facebook

Loading...
..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *